.
Annunci online

 
Gattara 
unarcheologainsegnantemamma
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Ombra
Fioredicampo
Persbaglio
Lu
Capastuerta
Disastro
Billo
Devarim
Jericho
Mietta
Markino
Antonella
Viavai
Specchio
Tocco
Salvatore1
Aislinn
ilMaLe
  cerca

 

 
Registra il tuo sito nei motori di ricerca

 






Blog aperto il 16/08/2005


GEMELLI
Chiacchiera, scrive, legge, parla ingrese, domanna, vede, compera, sbaratta,
svolazza, guida, interpreta, contatta, telefona, s'empiccia ma è cortese.
Facile, svelto, fino testa matta, sorte, ritorna, gioca, va' pe' spese,
se fa cinque, sei viaggi drent'un mese, quarziasi cosa già l'ha vista e fatta.
Cammia lavoro, donna, veste, umore, tie' le fette in du' staffe:
è opportunista; nun je chiede costanza ne l'amore.
È spiritoso, ironico, ballista, giovanile, ne fa d'ogni colore.
Si s' ammala è ai pormoni e se rattrista
.



In Italia è molto duro essere un intellettuale di destra.
Quelli di sinistra non ti leggono
perchè sei di destra,
quelli di destra non ti leggono
perchè non leggono niente!!!
Marcello Veneziani
 


Scriviamo per farla finita con noi stessi, ma con il desiderio di essere letti, non c’è modo di sfuggire a questa contraddizione. E come se annegassimo urlando: “Guarda, mamma, so nuotare! “. Quelli che gridano più forte all’autenticità si gettano dal quindicesimo piano, facendo il tuffo d’angelo: “Vedete, sono soltanto io!”. Quanto a sostenere di scrivere senza voler essere letti (tenere un diario, per esempio), significa spingere fino al ridicolo il sogno di essere contemporaneamente l’autore e il lettore. (D.Pennac)

"Amo: la parola più pericolosa per il pesce e l'uomo"
Groucho Marx

Livietta: la nuova arrivata!

Cesare: il mio ex-attempato amante
(ci ha lasciato alla veneranda età di diciotto anni!)

Diva: la gatta della mia adolescenza:trovatella, un po' furastica.

Conan: il mio bellissimo, completamente
 pazzo, gatto americano (stroncato dalla leucemia  a soli due anni)
Benigni dixit:" Se su dieci persone ci sono sei operai, tre impiegati e un ricco. Perchè alle elezioni vince sempre il ricco? Allora o ci sono brogli elettorali o il popolo è stupido"

Paolo Rossi: "La fuga dei cervelli. Un bel problema: i cervelli fuggono e i corpi rimangono qui a fare il ministro o il politico..."

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
Il mio dura tuttora, nè più mi occorrono
le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.
Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
non già perchè con quattr'occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perchè sapevo che di noi due
le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue.
(E.Montale)

Messico 1984: il più bel viaggio della mia vita

Locations of visitors to this page



 

Diario |
 
Diario
1visite.

7 maggio 2012

E chudersi in un angolino per non far vedere gli occhi lucidi...

E' mancato un nostro amico. "Giovane", leggi della nostra età. E' mancato quando tanto avrebbe potuto ancora avere e tanto avrebbe potuto dare. L'ha portato via questa malattia che non voglio neanche più nominare, perchè ha disseminato di lutti la nostra famiglia e i nostri affetti. Ce l'ho troppo su con lei.

Fatto che sta che il dolore rampolla e vorresti condividerlo anche su Facebook, ma ti sembra assurdo. Ti sembra di svilirlo. Non si può condividere un dolore in un gioco. Eppure vorresti mettere quella foto in cui lui sorride felice sugli sci insieme a tua figlia bambina e vorresti scriverci sotto:"Ciao, Lucio!", ma non lo puoi fare. Nascondi quella foto, quel saluto, quelle lacrime in un angolino di una stanza dove nessuno può vederti...


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lutto amico cancro foto sorriso lacrime

permalink | inviato da Gattara il 7/5/2012 alle 14:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

16 novembre 2008

Che bella settimana (peccato sia finita!)




E' iniziata domenica scorsa: dopo "Corri per il verde" a Villa Pamphili siamo andati a vedere la manifestazione al Circo Massimo, sperando di non trovarci faccia a faccia con La Russa. E' andato tutto bene. Ho incontrato, invece, un vecchissimo amico: con lui abbiamo passato momenti bellissimi sia a Taranto (sua moglie è una toscana simpaticissima) che in Sicilia. Talmente belli che mi chiese anche di fare da madrina alla figlia. Purtroppo poi gli eventi della mia vita ci hanno fatto perdere di vista, ma, fortunatamente, ci sono nella vita persone che, per qualche motivo misterioso, devi comunque riincontrare. La bambina (oggi una giovane donna che studia Lettere Moderne) mi scrisse anche una bella letterina, in cui chiedeva di incontrarmi, ma io ne persi la busta e, quindi, l'indirizzo e non ho mai potuto risponderle.
Poi giovedì sera negli studi di "Non perdiamoci di vista" ho avuto l'occasione di ammirare La bravura di Paola Coltellesi e dei suoi meravigliosi e bravissimi ospiti (Claudio Santamaria, Pierfrancesco Favino, Daniele Silvestri, Michele Placido, Margherita Buy, Neri Marcorè ed i mitici Negramaro).
Sabato libero causa Assemblea d'Istituto (così si fa ragazzi, io il sabato ho cinque ore piene piene!).
Sabato sera cenetta a S.Lorenzo (quanti ricordi di me universitaria!!) con le cuginette bellissime e purtroppo ancora single (ma gli uomini non capiscono proprio più niente??)
Ahimè, domani si ricomincia il solito tran-tran.

sfoglia
novembre        luglio